Lavoro & Carriera

Come trovare lavoro in Australia

Come trovare lavoro in Australia subito dopo a Quale visto mi serve per trasferirmi in Australia?, è una tra le prime domande che ci si pone non appena si decide di volersi trasferire in Australia.

L’Australia, allo stato attuale, registra il tasso di disoccupazione più basso a livello mondiale (sul 5.6% costante negli ultimi anni) con stipendi molto più alti che in molte parti d’Europa. A seconda della tua età, educazione, precedenti esperienze e voglia di lavorare, in Australia ti si possono aprire molte porte.

In breve:
#1 Ottenere un visto
#2 Richiedere il TFN
#3 Conoscenza lingua inglese
#4 Conoscere le tipologie di contratto
#5 Resumé e Cover Letter
#6 Come e dove applicare

 

Condizione #1 | Ottenere un Visto

Prima di tutto, per essere in grado di lavorare in Australia, occorre essere in possesso di un visto che permetta di lavorare nel paese. A seconda del tipo di visto occorrerà poi stabilire le modalità e le tempistiche per le quali si è autorizzati a lavorare legalmente.

Per esempio, i seguenti visti sono accessibili alla maggior parte di noi italiani:

– Visa 417 (Working Holiday Visa), permette di lavorare senza limiti di ore ma solo per un massimo di 6 mesi per ciascun datore di lavoro;

– Visa 500 (Student Visa), finché il corso di studi per cui ti sei iscritto non è ancora iniziato non sei autorizzato a lavorare. Una volta che il corso è iniziato, potrai lavorare al massimo 40 ore in 2 settimane nel periodo in cui il corso è attivo e ore illimitate durante il periodo delle vacanze scolastiche (ovvero ogni trimestre). Es. potrai lavorare 20 ore la prima e la seconda settimana; 40 ore solo la prima o la seconda settimana; 30 ore la prima settimana e 10 la seconda; etc.

– Visa 600 (Visitor) non consente in alcun modo di lavorare.

 

Condizione #2 | Richiedere il TFN

Non appena atterrato in Australia, se hai intenzione di lavorare, poco importa per quanto tempo o con quale tipologia di contratto, richiedi il tuo TFN, il prima possibile. Possedere un TFN, ovvero un codice univocamente a te assegnato (una sorta di codice fiscale locale), nel corso dello svolgimento dell’attività lavorativa, ti consente di essere soggetto ad aliquote fiscali più convenienti.

Richiedere il TFN é gratuito e puó essere fatto direttamente attraverso il sito dell’ATO, solo da territorio australiano.

Richiedi qui il tuo TFN

 

Val all’articolo Come compilare il TFN Declaration Form per il datore di lavoro.

Quando si inizia a lavorare per un nuovo datore di lavoro, sotto un visto 417 (Working Holiday Visa) o 462 (Work and Holiday), occorre provvedere il proprio TFN ed essere sicuri che il datore ti registri come dipendente con visto valido Working Holiday Makers, il che ti darà diritto ad essere tassato all’aliquota ridotta del 15% anziche 32.5%.

Val all’articolo Working Holiday Makers e Tax Return, quali sono le novità?.

 

Condizione #3 | Conoscenza della lingua inglese

La conoscenza della lingua inglese é sicuramente consigliata, e più aumenta la qualifica lavorativa, maggiore dovrá essere la conoscenza della lingua ed il lessico più elaborato.

Tips: Non fare dell’inglese una barriera.

Quando sono arrivata in Australia sapevo appena presentarmi in lingua inglese. Le prime volte che mi presentavo per i colloqui di lavoro avrei preferito nascondermi, sarebbe stato fantstico se fosse stato possibile essere assunta semplicemente per il fatto che sapevo sorridere ai clienti. Ho iniziato a lavorare nel mondo dell’hospitality, all’inizio come runner (porta i piatti e scappa, non parlare con nessuno :-)) ma mi sono impegnata ogni singolo giorno. Chiedevo ai miei colleghi di insegnarmi tutta la terminologia che mi serviva per svolgere il lavoro e ripetevo, ripetevo e ripetevo. Dopo un pò ho iniziato a sentirmi più confidente e ho iniziato a buttarmi, mi fermavo ai tavoli a chiacchierare con i clienti e piano piano ho iniziato ad essere più disinvolta.  A quel punto ho realizzato fosse ora di migliorare la grammatica ed il lessico e mi sono iscritta ad un corso d’inglese. Nel giro di dieci mesi, me la sono presa con calma, ho finalmente trovato un lavoro qualificato in ufficio.

Pratica quotidianamente, studia e continua a perseguire il tuo obiettivo.

 


Tipologia di contratto

Ci sono tre principali tipologie di contratto: casual, part-time o full-time.

1. Casual

È la tipologia di contratto a chiamata e probabilmente la più comune da ottenere per iniziare a lavorare in Australia.

Il contratto Casual è, nella maggior parte dei casi, il più utilizzato tra i possessori di visto 417 (Working Holiday Visa) o 500 (Student Visa) per via delle limitazioni temporanee stabilite dai visti in possesso.

Più di 2 milioni di persone, ad oggi, sono impiegate con questa tipologia di contratto. Pensate ai camerieri, baristi, operatori di servizio clienti in call-center, etc.

Avere un contratto casual significa:

– Orari irregolari;
– Non essere pagati per giorni di ferie; malattia; giorno libero stabilito dal datore di lavoro; giorni di festa comandati;
– Tariffa oraria più elevata;
– Non avere una data di scadenza del contratto;
– Nessuna richiesta di preavviso da parte vostra o del datore di lavoro in caso di licenziamento;
– Stipendio non stabile, correlato alle ore o ai giorni settimanali lavorati.

Ad esempio, quando si lavora nel settore hospitality (ristoranti, cafe’, hotel, etc.) la tariffa oraria sarà differente a seconda del giorno settimanale e l’orario in cui si è lavorato. Il sabato sera la domenica sono pagate di più rispetto il lunedì mattina. Allo stesso modo però un lunedì sera potrà essere pagato di più di un lunedì mattina quando si lavora oltre le 10pm. Nei giorni di festa comandata (Labour Day; Christmas; Australian Day; etc.) la tariffa oraria sarà addirittura raddoppiata.

 

2. Part-time 

Il contratto di lavoro è limitato a un periodo di ore settimanali (solitamente 20 ore) sulla base dei bisogni del datore di lavoro o delle vostre condizioni di visto.

E’ molto comune tra tutti coloro in possesso del visto 500 (Student Visa) in quanto limitati a non poter lavorare più di 40 ore in due settimane (con l’eccezione di orario illimitato durante il periodo delle vacanze scolastiche).

 

3. Full-time

Il più ambito, il quale garantisce le 40 ore settimanali e le ferie pagate.

Il contratto full-time a sua volta può essere classificato tra:

– contratto con data di scadenza, è il caso di tutti i Working Holiday Makers, ovvero i possessori di visto 417 (Working Holiday Visa) o 462 (Work and Holiday) i quali sono autorizzati a lavorare un massimo di 6 mesi per lo stesso datore di lavoro;

indeterminato. In questo caso occorre precisare che in Australia non esiste il concetto italiano che il contratto indeterminato “è per sempre perchè non ti possono licenziare”. In Australia un datore di lavoro, con dovuta comunicazione scritta può licenziare un suo dipendente, decidendo se lasciare che il dipendente lavori fino all’ultimo giorno del periodo di preavviso dovuto o se, pagando un extra come compenso del mancato preavviso, terminare immediatamente il contratto di lavoro. Ilperiodo di preavviso minimo dovuto dipende dall’eta’ del dipendente, dalla durata del rapport di lavoro e dal settore dell’attivitá.

Questo tipo di contratto consente:

– Sicurezza e stabilità;

– Permanenza a lungo periodo, nei casi in cui il tuo visto 417 (Working Holiday Visa) viene trasformato in uno Sponsor Visa.

– Avere diritto a giorni pagati di malattia, ferie e festività comandate;

– Può anche essere offerto attraverso la tipologia dei Contractors. Ovvero persone che hanno un’elevata esperienza e che sono qualificate, ma che sono impiegate per un periodo temporaneo. Di norma, proprio a proposito dell’instabilità del contratto, sono pagati il 20% in più rispetto a chi esegue la stessa attività ma con un contratto permanente.


 

Curriculum Vitae e Cover Letter

Senza Curriculum Vitae e Cover Letter (Lettera di accompagnamento) in Australia, non si va da nessuna parte. É quindi una buona idea imparare subito come preparare, il qui chiamato Resumé (Curriculum Vitae) e Cover Letter vincente per fare da subito una buona impressione, sia come persona sia come professionista, mostrando non solo le tue esperienze ma soprattutto le tue abilità.

Vai all’articolo Come scrivere un Curriculum Vitae per l’Australia.

 


 

Ora sei pronto per iniziare ad applicare per cercare lavoro

La cultura australiana in generale premia tutti coloro che ci provano, non avere quindi paura a chiedere, mai.
Quali sono i mezzi attraverso cui è possibile cercare lavoro e applicare?

1. In persona

La soluzione migliore se stai cercando un lavoro nell’hospitality. Esegui una ricerca online così sai già con sicurezza quali negozi, ristoranti e pub o cafe’ stanno cercando lavoro e dove sono posizionati sulla mappa.
Stampa molte copie del tuo Resume’, pratica il tuo sorriso e discorso migliore e presentati sul posto. Chiedi di parlare con il Manager o il Supervisor del locale. La maggior parte delle volte la prima persona con cui parlerai nel locale, il tuo primo riferimento interno, si prenderà cura di consegnare il tuo Resume’ al Manager con tanto della sua prima impressione.

 

2. Online

Esistono diversi siti online riservati alle pubblicazioni lavorative, il più utilizzato è Seek, il quale ti permette di filtrare la ricerca secondo la posizione lavorativa per cui vuoi applicare; la tipologia contrattuale; la tua disponibilità; lo stipendio minimo/massimo ricercato.

 

Seek.com.au

 

Tips: prima di iniziare a fare la tua ricerca prenditi il tempo di registrarti su Seek per compilare il tuo Resume’ nella sezione “Profile” e per caricare una copia PDF sia del tuo Resume’ che della Cover Letter. In questo modo ti sara’ piu’ facile ed immediato applicare direttamente per le posizioni disponibili.

 

Altri siti da prendere in considerazione sono:

CareerOne
Indeed
jobSearch
LinkedIn
Gumtree

 

3. Agenzie del lavoro

Le aziende più note sono Adecco, Hays e Kelly. Probabilmente inizierai con un colloquio con loro e secondo la tua esperienza e le caratteristiche del tuo Visa faranno loro una ricerca a tuo conto delle posizioni disponibili sul mercato. Per quella che è la mia esperienza, quelli che lavorano nelle agenzie non sono particolarmente motivati, ma il servizio è comunque gratuito, vale quindi la pena tentare.

Valentina Signature

 

 

Infografic - Come trovare lavoro in Australia

 

You Might Also Like...

No Comments

Leave a Reply